Punta in metallo duro integrale

Ad alte prestazioni, ideale per applicazioni in ghisa, questa punta di Kennametal è dotata di un rivestimento multistrato AlTiN/AlTiSiN che la rende immune all’usura

  • Il raggio del margine esterno della punta HPR, brevettato, garantisce una lunga durata dell’utensile e un’eccellente qualità del foro
    Il raggio del margine esterno della punta HPR, brevettato, garantisce una lunga durata dell’utensile e un’eccellente qualità del foro

Realizzata per la foratura ad alte prestazioni, la punta in metallo duro integrale HPR annunciata da KENNAMETAL può lavorare ad alta velocità e ad avanzamenti elevati fino a 8 x D, per qualsiasi materiale della categoria ISO-K. La punta HPR fornisce un’eccellente rettilineità del foro anche ai più elevati parametri di taglio.

Punta in metallo duro integrale in grado di mantenere la rettilineità del foro

La speciale forma della punta, una caratteristica brevettata, e l’angolo di 143° forniscono eccellenti capacità di auto centramento con una spinta ridotta, mantenendo la rettilineità del foro anche con la punta in lavorazione a parametri più elevati. Inoltre, i quattro margini offrono la massima stabilità durante l’esecuzione di forature trasversali e con uscita inclinata. Il raggio del margine esterno della punta, brevettato, migliora notevolmente la durata dell’utensile e fornisce un’eccellente qualità dei fori, garantendo un intervallo di tolleranza dei fori da IT9 a IT10, eliminando efficacemente la sbavatura del pezzo in lavorazione all’uscita dal foro.

Punta con rivestimento multistrato AlTiN/AlTiSiN

Il rivestimento multistrato AlTiN/AlTiSiN della punta, brevettato, resiste a un’abrasione estrema e agli elevati carichi termici che incontra durante la foratura di ghisa grigia, ghisa duttile, CGI, ADI e GGG. Il rivestimento resiste anche alle inclusioni e ai pori che si incontrano comunemente in questi materiali difficili. I vani dell’elica ultra-levigati e l’ampia sezione trasversale degli stessi favoriscono un’evacuazione efficiente dei trucioli, riducono ulteriormente il calore e il conseguente shock termico. La punta HPR è dotata del passaggio standard del refrigerante e di un’interfaccia MQL (lubrificazione minimale) DIN 6535 e 69090-03. Con queste caratteristiche la punta eccelle nelle condizioni di lavoro a secco o in umido.

Maria Bonaria Mereu si laurea in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Sassari e si specializza in Storia, Comunicazione e Informazione presso l’Università degli Studi di Cagliari. Nel 2012 consegue il master in Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Dal 2015 lavora in TIMGlobal Media come redattrice delle riviste CMI - Costruzione e Manutenzione Impianti e PEI - Produits Equipements Industriels. 

More articles Contatto