Polimero criogenico

Questo polimero sviluppato da Victrex offre una migliore capacità di tenuta nell’ambito di un maggiore spettro termico compreso fra -196 e +150°C

  • da Victrex
  • Maggio 7, 2020
  • 147 views
  • Il polimero VICTREX CT è stato scelto da Advanced Engineering Valves per le sue valvole
    Il polimero VICTREX CT è stato scelto da Advanced Engineering Valves per le sue valvole

Advanced Engineering Valves, del gruppo Emerson, ha annunciato il superamento dei test criogenici delle proprie valvole a sfera 2XC™ C utilizzando il polimero VICTREX CT 100 di VICTREX. Il soddisfacimento dei requisiti del test Shell MESC rappresenta una conquista importante che apre a nuovi potenziali utilizzi da parte dei maggiori OEM del settore. Il polimero criogenico VICTREX CT 100 è stato sviluppato da Victrex per le applicazioni di inserti.

Polimero criogenico per valvole a sfera che supporta temperature comprese fra -196 e +150° C

Dopo aver superato con successo il Design Validation Testing (DVT) alla AEV, il polimero VICTREX CT 100 viene usato nelle valvole a sfera Advanced Engineering Valves dalla classe 900 da 1/2 fino a 18 pollici. Tale polimero criogenico è specificato come idoneo a livello termico per temperature comprese fra -196 e +150° C e offre forza strutturale ad alte temperature senza altresì comprometterne le prestazioni a quelle basse, come viceversa accade ai materiali concorrenti. Il DVT alla AEV è stato condotto in linea con la specificazione

Polimero criogenico che offre capacità di tenuta migliorate in condizioni difficili

La serie di polimeri VICTREX CT offre capacità di tenuta migliorate nell’ambito di un maggiore spettro termico, rispetto ai materiali in uso come per esempio il PCTFE. Questo avviene alle basse temperature grazie alla maggiore duttilità e alle alte temperature per la sua superiore resistenza al creep. I polimeri VICTREX CT hanno anche dimostrato di riuscire a mantenere una migliore stabilità dimensionale, a fronte di un minore coefficiente di espansione termica rispetto ai materiali concorrenti. La superiore conduttività termica del PEEK consente infine anche una risposta veloce ai cambi di temperatura, assicurando che il materiale rimanga sempre in contatto con la controsuperficie.