Riduttori a vite senza fine

  Richiedi informazioni / contattami

Realizzati con corone personalizzabili, in bronzo o in ghisa sferoidale, questi riduttori a vite senza fine proposti da Varvel sono ideali per le applicazioni pesanti perché resistono alla compressione, all’urto e alla corrosione

Componenti

Nuova gamma di riduttori con corone Varvel
Nuova gamma di riduttori con corone Varvel

Varvel annuncia i riduttori con corone costituite da due elementi: la corona standard si compone di un mozzo di supporto, normalmente realizzato in ghisa, e di un riporto in bronzo, ovvero l’anello su cui viene praticata la dentatura che permette il funzionamento degli ingranaggi. Così facendo si ottiene un riduttore a vite senza fine che può essere utilizzato nella maggioranza delle normali applicazioni presenti sul mercato, senza un utilizzo superfluo del bronzo. Ci sono però settori di utilizzo in cui il mozzo standard in ghisa grigia potrebbe risultare non sufficiente per le prestazioni necessarie.  

Riduttori a vite senza fine ideali per applicazioni pesanti

Laddove si richiede una maggiore resistenza, Varvel realizza corone con il mozzo in ghisa sferoidale, una lega più performante rispetto a quella standard, ideale per applicazioni più pesanti. Nelle tecnologie impiegate nell’industria alimentare o in tutte le operazioni legate al settore navale o marino, il mozzo in ghisa non è adeguato a causa della forte ossidazione ambientale: i macchinari per il trattamento di sostanze alimentari vengono opportunamente lavati con solventi igienizzanti molto aggressivi e in prossimità del mare l’atmosfera è troppo ricca di cloruri. In questi settori, per ovviare al problema dell’ossidazione, vengono realizzate corone con il mozzo in acciaio inox. In tutte le altre situazioni in cui si richiede una maggiore resistenza e in cui la ghisa sferoidale non è utilizzabile, per produzioni limitate, Varvel realizza anche mozzi di supporto in acciaio normalizzato o bonificato.

Riduttori a vite senza fine con corone personalizzazbili

Le possibilità di personalizzazione e adeguamento della corona si estendono anche al riporto in bronzo, la parte che viene adattata attraverso il processo di dentatura per ingranare e permettere il funzionamento del riduttore. Normalmente viene usata una lega di bronzo con l’aggiunta di piombo: questo metallo favorisce la malleabilità nella fase di produzione attraverso il processo fusorio, riducendo i tempi e aumentando quindi l’efficienza produttiva. In situazioni standard il riporto in bronzo con il piombo soddisfa le esigenze per le normali applicazioni. Anche in questo caso, in base alle diverse circostanze possono essere necessarie delle soluzioni più adatte agli scopi previsti. Andando a cambiare la lega di bronzo si ottengono prestazioni differenti.

Resistenza alla compressione e all’urto dei riduttori a vite senza fine

Per incrementare la trasmissione di coppia, aumentare la resistenza alla compressione e all’urto e rallentare il processo di corrosione vengono utilizzati riporti in bronzo contenente nichel. Per applicazioni con corone più grandi e dove si prevedono urti molto violenti, dovuti a carichi molto alti e forti sollecitazioni, si utilizzano riporti in bronzo contenente alluminio, denominanti anche BRAL. Questa lega riduce le probabilità di rottura dei denti anche sotto colpi molto violenti e improvvisi, riducendo contemporaneamente i rischi di fermo macchina per riparazione o sostituzione del riduttore a vite senza fine.  

Riduttori a vite senza fine con corone integrali in bronzo e in ghisa resistenti alla corrosione

Esistono anche contesti applicativi in cui non c’è la possibilità di utilizzare corone composite, ma l’unica possibilità è quella di ricorrere a corone integrali per riduttori a vite senza fine. Per ambienti molto ossidanti – per esempio l’industria alimentare o gli ambienti marini, come detto sopra – normalmente viene impiegata una corona integrale realizzata interamente in bronzo: si tratta sicuramente di un componente più costoso, ma garantisce un’alta resistenza alla corrosione. Questo tipo di soluzione si utilizza per produzioni dedicate e di nicchia. Un’alternativa meno onerosa, tuttavia con alcune limitazioni di applicazione, è quella delle corone integrali realizzate in ghisa: quest’ultime possono essere impiegate soltanto in contesti caratterizzati da velocità periferica molto lenta, entro i 2.5 metri al secondo, a causa dell’accoppiamento della corona con l’acciaio e quindi al rischio di danneggiamento.

Riduttori a vite senza fine impiegabili in diversi contesti applicativi

Questa grande varietà di soluzioni studiate soltanto per la gamma di riduttori a vite senza fine, dimostra innanzitutto la grande versatilità di questi prodotti, perfettamente impiegabili in diversi contesti applicativi.

Pubblicato il Marzo 13, 2018 - (4594 views)
Varvel
Via 2 Agosto 1980, 9
40056 Crespellano - Italy
+39-051-6721811
+39-051-6721825
Visualizza company profile
Mappa
Articoli correlati
Frese elicoidali
Cuscinetti a sfere a contatto obliquo
Motoriduttori compatti
Filtri-regolatori
Motore a quattro poli
Ruote industriali
Giunti a soffietto
Servomotori
Isola di valvole
Riduttore a ingranaggi cilindrici
Componenti per la trasmissione del moto
Componenti di precisione
Valvole a sfera ad alta pressione
Componenti idraulici
Cuscinetti a strisciamento
Cuscinetti e boccole
Cuscinetti e sistemi lineari
Componenti elettronici e accessori
Cuscinetti obliqui a una corona di sfere
Tenute alta pressione
Motore a quattro poli
Giunti a soffietto
Servomotori
Valvole a sfera ad alta pressione
Moduli ripartitori per cavi
Motori brushless
Cilindro compatto
Pompe peristaltiche autoadescanti
Pompa a lobi
Filtri idraulici
Servomotori
Cilindro compatto
Filtri idraulici
Piastra flangiata
Eiettore
Encoder rotativo
Setto filtrante
Raccordo di assemblaggio
Servomotore
Moduli di protezione