L’importanza di un piano di valutazione rischi secondo Stommpy

  Richiedi informazioni / contattami

Stommpy ha condotto una ricerca di tre anni sull’efficacia del piano di valutazione rischi di 40 aziende, ha dato i propri consigli per migliorarlo e ha infine valutato i risultati

Marco Chiarini, General Manager di Stommpy
Marco Chiarini, General Manager di Stommpy

I datori di lavoro sono obbligati per legge, con il Decreto Legislativo 81 di aprile 2008, a redigere il Documento di Valutazione Rischi (DVR), frutto di un’analisi accurata dei pericoli e dove si individuano le misure a tutela dei dipendenti dell’azienda, oltre a predisporre un piano di intervento per la riduzione dei rischi. Marco Chiarini, General Manager di Stommpy, ha commentato: “Il rispetto delle prescrizioni costituisce un obbligo non solo etico e morale, ma anche giuridico”.  

La ricerca effettuata da Stommpy

Un piano di sicurezza efficace porta molteplici benefici: non solo il personale sa di lavorare in sicurezza, ma si possono riscontrare effetti positivi economici e sulla gestione dei processi. Stommpy ha condotto una ricerca di tre anni su un campione di 40 clienti, dove il piano di valutazione dei rischi prevedeva, tra i diversi provvedimenti, anche l’installazione di protezioni antiurto nelle aree di movimentazione merci. Il progetto, denominato “Valutazione dei rischi nella movimentazione dei carrelli adibiti al trasporto delle merci”, ha coinvolto principalmente i responsabili del servizio di prevenzione e protezione aziendale, ma anche titolari, facility manager e responsabili della manutenzione. Nel processo di valutazione dei rischi sono stati analizzati i percorsi dei mezzi, concentrandosi su specifici parametri; è emerso come lo stato operativo esistente generasse, in molteplici punti, potenziali rischi sia per il personale che per gli impianti.

I risultati rilevati da Stommpy

Marco Chiarini ha raccontato: “Al fine di ridurre e/o eliminare le eventuali collisioni, abbiamo suggerito, ove possibile, di ampliare l’area di manovra dei carrelli, a favore di una maggiore visibilità nei punti di incrocio. Abbiamo, inoltre, proposto di modificare la disposizione di scaffalature e nastri trasportatori, delimitare le aree di parcheggio merci e i percorsi pedonali. Nella maggiore parte dei casi, in assenza di spazio, si è intervenuti installando dei sistemi di protezione antiurto Stommpy, allo scopo di preservare le infrastrutture esistenti e tutelare, allo stesso tempo, i lavoratori”. Dopo i tre anni sono emersi risultati positivi, tra cui: riduzione delle spese per riparazione delle infrastrutture a causa delle collisioni con carrelli, aumento dell’efficienza operativa, risparmio sul premio INAIL, riduzione degli infortuni a persone causati dalla collisione dei carrelli contro infrastrutture e/o persone.

Pubblicato il Gennaio 17, 2019 - (12 views)
Articoli correlati
Verifica automatica per saldatura ad arco
Martello cordless
Frese in metallo duro
L'importanza della sicurezza alimentare
Pompe a membrana per campionamento
Il catalogo di Faulhaber
Baderne
Termocamere ad alta risoluzione
Analizzatore fumi
SKF, 2018 anno record
Strumento di verifica
Utensileria industriale
OMC 2019
IVS 2019
Schemi Idrici 4.0
Hannover Messe 2019
Manufatti tessili isolanti
Sensori ottimizzati per IoT
Componenti industriali
Manutenzione apparecchi di bassa e media tensione
Termocamere ad alta risoluzione
Analizzatore fumi
Pressostato Elettromeccanico
Trasmettitori a barra di torsione
Torce LED
Trasmettitore con sensore piezoresistivo
Livellostati
Cavi per l’uso in corrente continua
Sensore intelligente
Unità combinate preassemblate
Termocamere ad alta risoluzione
Tappeti assorbiolio
Marcatura di pavimenti
Valvola per contatore gas
Misuratori di portata
Bracci robotici
Encoder ad alta risoluzione
Software per la pallinatura
Magazzino verticale
Dispositivi RFID e BLE